2 Aprile 2020

Alexis Tsipras è il giovane leader di Syriza (soli 41 anni) che si accinge a varcare le porte del Governo greco. La sua vittoria alle elezioni politiche in Grecia ha popolato i sogni e gli incubi di moltissimi cittadini dell’Eurozona, tanto che perfino i mercati finanziari, con i loro recenti tracolli, hanno voluto lanciare un monito al popolo greco: votate con coscienza (e quindi contro Tsipras)! Questo perchè il leader greco è visto, dalla maggior parte dell’establishment europeo e dall’elettorato moderato, come un rivoluzionario comunista che intende interrompere i rapporti con la Troika rifiutandosi di pagare ogni debito rimasto insoluto con i creditori internazionali e con la Troika stessa e di continuare il ciclo di riforme attuato da Samaras al fine di riuscire a risanare tali debiti e di permettere alla Grecia di tornare competitiva ed uscire dalla crisi. Quello che questi signori probabilmente non sanno è che lui non ha assolutamente intenzioni di questo genere. Egli vuole certamente riformare radicalmente il proprio paese proponendo misure “non convenzionali”, ma vuole trattare con la Troika (anzi, voci di corridoio sostengono che stia già trattando da settimane). NON farà la rivoluzione in Grecia!! Ciò è chiaro ripercorrendo la sua biografia e conoscendo un po’ più a fondo i suoi consulenti. Innanzitutto Alexis nasce il 28 Luglio 1974, subito dopo la caduta del regime dei colonnelli, ed è figlio di un imprenditore edile. Quindi, per quanto fosse progressista la famiglia Tsipras, era una famiglia borghese, non certamente un manipolo di estremisti. Il suo idolo giovanile era Andreas Papandeou leader socialista greco negli anni ’80, non Stalin, che viene invece idolatrato dagli esponenti del Partito Comunista Greco (KKE), di cui comunque fece parte. Per quanto riguarda i suoi consiglieri economici, non sono proprio dei perfetti marxisti che conoscono “Il Capitale” a menadito, ma professori di economia, anche in università molto prestigiose. I quattro più importanti sono:

  • Yanis Varoufakis, economista greco di origini australiane e principale collaborare di Tsipras, insegna alla Lyndon B. Johnson School of Public Affairs di Austin (Texas) e alla Università di Atene e la sua proposta principale è quella di trasformare i debiti della Troika in un mega-bond sottoposto ad una condizione sospensiva che limiti il saldo del debito al raggiungimento di una soglia di crescita almeno pari al 3% e di far (ri)partire gli investimenti della BEI nelle economie dei paesi europei
  • Giorgos Stathakis, deputato ed economista, insegna all’Università di Creta e la sua proposta principale è quella di liberalizzare le frequenze televisive, al fine di implementare la concorrenza nel settore e garantire maggiori profitti allo stato greco e mettere fine al dominio degli oligarchi della televisione greca, e di abbattere la burocrazia, al fine di attrarre investimenti esteri
  • Ioannis Milios, professore di Economia Politica e capo della commissione economica di Syriza, ha recentemente sostenuto, in un’intervista al Financial Times, che nessun investitore dovrebbe essere spaventato da un Governo Syriza, perchè intendono incentivare e non tassare gli investimenti sull’economia reale
  • Iannis Tolios, economista specializzatosi in Russia, lavora al Ministero delle Finanze greco, è consulente tecnico del partito e propone la rinegoziazione del debito pubblico, l’istituzione di una Banca Pubblica per lo Sviluppo e il potenziamento delle utilities dello stato, affinchè producano utili e non più debito

Mi sembra facilmente comprensibile, leggendo queste poche righe, che le proposte avallate da questi economisti non siano riconducibili alle Tesi di Aprile di Lenin, quanto piuttosto ad un programma riformista sviluppato da persone che non hanno alcuna intenzione di uscire dalla moneta unica o di sovvertire le istituzioni repubblicane. La differenza sostanziale con quello che è solitamente definito “riformismo” è solo che queste proposte non sono influenzate dal neoliberismo (molto) annacquato proposto dalla maggior parte dei partiti moderati e riformisti europei.


 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Davide Motta
Davide Motta

Ho 19 anni, sono di Livorno e studio economia a Roma. Sono appassionato di politica, e filosofia. La mia "dichiarazione di poetica" si può riassumere in una frase di Feuerbach: "Non è Dio ad aver creato l'uomo, ma l'uomo ad aver creato Dio".

Previous Writers Wednesday -Livorno
Next Recensione di Sopravvissuto – The Martian

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Goldoni: i giovani partecipanti del Mascagni Opera Studio vincono il premio Bianca Maria Galli

30 Settembre 2019
Close