7 Dicembre 2022

Anche quest’ultima giornata di campionato ha regalato i suoi verdetti ed è stata ricca di spunti. Dall’Inter che perde a Cagliari ancora orfana di Icardi, alla Juventus che vince 1-2 al San Paolo volando a più 16 dal Napoli. Dalla Lazio che domina il derby della capitale alle polemiche, ancora una volta, legate all’utilizzo della VAR. Ma adesso andiamo a vedere chi si è distinto nel bene o nel male in questa ultima giornata di Serie A.

Promossi


Quagliarella: in Spal – Sampdoria è ancora lui a salire in cattedra, questo giovanotto di 36 anni trascina alla vittoria la sua squadra e segnando una meravigliosa doppietta raggiunge Cristiano Ronaldo in vetta alla classifica marcatori. Chapeaù.

Lazio: il derby è sempre una partita speciale e nonostante la Roma abbia un rullino di marcia assai incerto, vincerlo 3-0 non è mai banale. E se alcuni giocatori iniziano a carburare (uno su tutti Milinkovic-Savic) la corsa alla Champions è quantomai aperta.

Juventus: i bianconeri in una partita che sembrava ormai chiusa si fanno quasi rimontare ma nonostante la loro prestazione, lungi dall’essere anche un minimo confortante in vista dell’Atletico Madrid, vincono e fanno sprofondare il Napoli a -16. Serie A virtualmente chiusa.

Bocciati

Inter: la grana Icardi deve essere risolta il prima possibile, l’equilibrio della squadra è sempre più fragile e lo spogliatoio è sempre più una polveriera pronta ad esplodere, soprattutto dopo gli ultimi tweet del suo ex capitano. Se finora i risultati erano stati perlopiù positivi ed il presunto infortunio di Icardi avevano placato le acque, la resa dei conti, in casa Inter, è ormai prossima.

Di Francesco / Kolarov: l’ex Lazio perde la testa nel finale di gara e vince il ritorno anzitempo negli spogliatoi a seguito di due cartellini gialli. Mentre per quanto riguarda il tecnico, Di Francesco è sempre più in bilico e ancora una volta, l’ennesima in questa stagione, si troverà a giocare una partita il cui risultato sarà fondamentale per decidere le sorti della sua panchina.


Insigne: anche ai migliori capita di sbagliare un calcio di rigore e certo non è da questi particolari che si giudica un giocatore. Ciononostante il gol del 2-2, considerata anche la prestazione che stava offrendo la Juventus, poteva essere fondamentale per ribaltare il match e magari chi lo sa, dare un senso a questo campionato.

Di seguito tutti i risultati:

Cagliari 2 – 1 Inter

Empoli 3 – 3 Parma

Milan 1 – 0 Sassuolo

Lazio 3 – 0 Roma

Torino 3 – 0 Chievo Verona

Genoa 0 – 0 Frosinone

Udinese 2 – 1 Bologna

SPAL 1 – 2 Sampdoria

Atalanta 3 – 1 Fiorentina

Napoli 1 – 2 Juventus

Alessio Nicolosi

Show Full Content
Previous Quattro temi per i candidati sindaco sul futuro di Livorno
Next Diana Nyad, TedxSalon

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Due occasioni imperdibili per vedere l’opera lirica “Il piccolo Marat” al Teatro Goldoni per l’edizione del centenario

10 Dicembre 2021
Close