12 Dicembre 2019
Una storia spietata, di crudo realismo: la crisi di una coppia, un matrimonio che prima si sgretola e poi si ricompone ma poi continua a portare cicatrici di fratture mai sanate. Questo ruvido groviglio di sentimenti porta il nome di Lacci, romanzo del 2014 di Domenico Starnone, intessuto di silenzi, estraneità, sogni mai realizzati, aspirazioni mai colte, e vissuto attraverso la narrazione parallela di quattro vite, una famiglia vicina solo nello spazio che condivide. È stato proprio lo stesso Domenico Starnone che, su richiesta dell’attore Silvio Orlando, ha tratto dal suo romanzo una riduzione teatrale, peraltro tenuto a battesimo al regista Armando Puglise proprio questo mese.
La pièce teatrale, che andrà in scena al Teatro Guglielmi di Massa stasera, sabato 26 e domani domenica 27 novembre alle ore 21:00, è stata definita dal regista «una sinfonia del dolore: la partitura è una narrazione a ritroso, con pezzi di senso inverso, blocchi dedicati a punti di vista diversi, monologhi, dialoghi, racconti, scontri. Questa lotta intima senza valori può far anche sorridere. A fatica coesistono il conservatorismo della moglie (Vanessa Scalera), l’aspirazione alla fuga del marito (Silvio Orlando), e la condizione di due figli cresciuti nel non-amore (Maria Laura Rondanini e Sergio Romano)».
silvio-orlando
L’attore Silvio Orlando

Anche Silvio Orlando sottolinea l’amarezza profonda del testo, da cui è stato profondamente colpito: «Lo sento radicale come un family night, una lunga notte (sgranata negli anni) della famiglia italiana che s’oppone al concetto falso del family day, dove tutto fra le pareti domestiche finisce a tarallucci, o con lo sguardo basso sul telefonino. Siamo in un ambito piccolo borghese, e abbiamo a che fare con generazioni degli anni Sessanta, con gente normale cui si squarcia il cervello, che non regge all’impatto con sentimenti centripeti e poi di colpo centrifughi, mentre s’è stretto un patto di ipocrisia che non resiste». Una visione radicale, dunque, della famiglia contemporanea, ma che proprio per questo, da specchio delle coppie e dei figli in crisi, potrebbe diventare lo stimolo e l’occasione per un dibattito.

Segnaliamo inoltre che domenica 27 ottobre alle ore 19:00 Silvio Orlando e gli attori della Compagnia incontreranno il pubblico nella sala grande del Teatro Guglielmi. L’ingresso è libero.

Silvio Orlando

LACCI

di Domenico Starnone

tratto da Lacci romanzo di Domenico Starnone edito da Einaudi

regia Armando Pugliese

con Roberto Nobile, Sergio Romano, Maria Laura Rondanini, Vanessa Scalera

e con Giacomo de Cataldo

scene Roberto Crea

costumi Silvia Polidori

luci Gaetano La Mela

produzione Cardellino srl

Teatro Guglielmi teatroguglielmi@comune.massa.ms.it tel. 0585 41678 (int. 2/3) – 0585 490213

www.teatroguglielmi.it

Show Full Content

About Author View Posts

Luca Fialdini
Luca Fialdini

Luca Fialdini, classe '93: studente di Giurisprudenza all'Università di Pisa e di pianoforte e composizione alla SCM di Massa e sì, se ve lo state chiedendo, sono una di quelle noiose persone che prende il the alle cinque del pomeriggio. Per "Uni Info News" mi occupo principalmente di critica musicale.

Previous Alla ricerca del senso dell’umanità, HUMAN al Goldoni lunedì e martedì prossimo
Next Ai Weiwei. Libero.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Le Aquile Randagie, il film sulla Resistenza degli Scout proiettato a Livorno

15 Ottobre 2019
Close