24 Ottobre 2020

L’Italia non riesce a calare il poker ma agli ottavi porterà un trio di tutto rispetto, infatti a continuare la loro marcia verso Torino sono Napoli, Fiorentina e Juventus.

C_29_articolo_1028454_lstParagrafi_paragrafo_1_upiImgParFull La Lazio illude i propri tifosi con i gol di Keita, Perea e Klose ma a tre minuti dalla fine, Juninho segna e beffa i bianco celesti, così ad  andare avanti sono sfortunatamente i bulgari del Ludogorests.


Il Napoli soffre e vince. Accoglie al San Paolo gli inglesi dello Swansea e dopo il pareggio ( 0-0 ) dell’andata c’era lo spettro  dell’eliminazione. I partenopei danno l’anima in campo e grazie alle reti di Insigne, Higuain e Inler volano al turno successivo.

La Fiorentina aveva espugnato lo stadio dell’Esbjerg all’andata per 1-3 e così ha potuto affrontare la sfida al Franchi con un animo più  leggero. La viola controlla la partita e si limita a segnare su punizione salvo poi subire un indolore pareggio.

La Juventus nel turno di andata aveva vinto 2 a 0 con qualche brivido di troppo e la trasferta in Turchia non era da prendere sotto  gamba. Detto fatto, i bianco neri partono a mille all’ora mettendo in chiaro fin dall’inizio la loro superiorità che emerge in maniera quasi imbarazzante, il match termina 0-2.

Agli ottavi il Napoli dovrà vedersela con il Porto mentre dall’altra parte ci sarà la sfida fratricida tra Juventus e Fiorentina.

 

Ecco i risultati:

Ludogorets – Lazio 3-3 (Bejzak, Zlatinski, Juninho – Keita, Perea, Klose)


Napoli – Swansea 3-1 (Insigne, Higuain, Inler – De Guzman)C_29_articolo_1028447_upiImgPrincipaleOriz

Fiorentina – Esbjerg 1-1 (Ilicic – Vestergaard)

Trabzonspor – Juventus (Vidal, Osvaldo)

 

Alessio Nicolosi

Show Full Content
Previous Sabato e Domenica torna Puccini al Goldoni. Tutte le informazioni su Madama Butterfly
Next Stasera “Tosca X” al Teatro Verdi di Pisa

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Si chiamava Destà

15 Giugno 2020
Close