24 Febbraio 2020
  • Titolo : Mia regina
  • Autore: Jean Baptiste Andrea
  • Edizione: Einaudi
  • Anno: 2018
  • Genere: Narrativa

Mi sa che è stato proprio lì, in mezzo agli sterpi secchi che mi pizzicavano le caviglie, che sono scivolato lentamente fuori dall’infanzia per diventare un uomo. Era molto semplice, a pensarci. Dovevo solo accettare la rabbia di Viviane insieme alla sua amicizia. Erano belle tutte e due perché venivano da lei. Bastava solo saper guardare.

Jean Baptiste Andrea, regista francese, fa il suo esordio sulla scena narrativa con “Mia regina” e lo fa vincendo il Prix Femina des lycéens e il Prix du premier roman. Romanzo di formazione, “Mia regina” è un inno alla natura, alla purezza e all’innocenza dei bambini.

Ci troviamo nel 1965, in una non ben precisata località francese del Sud. Shell, il bambino protagonista, vive con i genitori nella vecchia stazione di servizio, circondato dalle montagne e dalle pompe di benzina, che aspira a lavare. Questo suo mondo, piccolo e ordinato, non basta a Shell per vivere felice. Quando sente i genitori discutere la possibilità di mandarlo in un istituto per ragazzini “come lui”, Shell si sente in dovere di dimostrare ai suoi genitori che non è più il loro amato e piccolo bambino ma che è diventato un uomo. Per il piccolo-grande Shell, non ci sono dubbi su come si faccia a dimostrarlo: si deve partire per la guerra.


Con addosso il suo giubbino preferito e il fucile di suo padre, Shell si avventura sull’altopiano, co-protagonista dell’intera vicenda: lo scenario bucolico che ci viene offerto è il nido perfetto per vivere indisturbati. Sarà proprio lì infatti, che Shell incontrerà Viviane, sua compagna di giochi e sua regina, regina dell’intero altopiano, capace di far piovere e scatenare forti venti. Grazie a Viviane, la guerra scompare dai pensieri di Shell che ha un unico obbiettivo: vivere per sempre con lei sull’altopiano, nell’ovile dove ha trovato riparo.

Come tutti i bambini della sua età, Shell è però senza filtri: talmente innocente da non comprendere la scomparsa improvvisa di Viviane, tema che accompagna i lettori durante la seconda parte del libro che, in nemmeno 130 pagine, ci lascia con il sorriso di chi si è saputo perdere tra le righe di una storia così semplice ma così complessa come solo lo sguardo di un bambino ci poteva raccontare.

Lo studio della copertina è magnifico: il libro è una grande promessa fin dal primo sguardo. Le sensazioni di libertà, innocenza e delicatezza che si avvertono osservando l’immagine della copertina (una bambina che guarda spensierata un punto non ben precisato) ci portano subito a respirare l’aria che tira tra le righe della narrazione. Esordio promosso a pieni voti!

 

Veronica Tati

 

 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Veronica Tati
Veronica Tati

Nata a Livorno il 27/01/1995, studentessa di Lingue e letterature straniere all'università di Pisa e responsabile-libraia della libreria Ubik Livorno. Appassionata da sempre di letteratura e scrittura, ama parlare di libri e scrivere poesie.

Previous Quattro chiacchiere con Toto Barbato
Next La Sandplay Therapy nella clinica: Intervista a Mario Mengheri

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Veronica Pivetti in “Viktor und Viktoria” la commedia musicale degli equivoci

16 Gennaio 2020
Close