9 Luglio 2020

Code al botteghino e tutto esaurito per “The Pride”, lo spettacolo di e con Luca Zingaretti, in scena stasera al Teatro Guglielmi di Massa, che registra l’ennesimo successo di questo brillante inizio di stagione.

it_pride400_originalUn testo intelligente e enigmatico quello del drammaturgo e attore americano di origini greche
Alexi Kaye Campbell 
che Zingaretti ha saputo magistralmente portare in scena, nonostante la sua intrinseca difficoltà. Sul palco, al fianco dell’attore e regista romano che ha recitato nel ruolo di Philip, un eccezionale Maurizio Lombardi nei panni di Oliver, la cui raffinata gestualità ha saputo sposarsi perfettamente alla carismatica personalità di Zingaretti, e un bravissimo Alex Cendron, sempre fluido nei passaggi da un personaggio all’altro. Impeccabile nelle vesti di Sylvia, invece, l’attrice Valeria Milillo, nota al grande pubblico per aver recitato in molte fiction Mediaset, tra cui “Distretto di Polizia”, “L’onore e il rispetto” e “Caterina e le sue figlie”.


«È una scrittura potente, è un testo bellissimo che parla di omosessualità e pregiudizi –
spiega Zingaretti -. Dal punto di vista etico e politico mi sembra il momento giusto: è importante che un personaggio con la mia visibilità metta al centro del dibattito una storia di questo tipo». Ma il fulcro del testo, sottolinea l’attore romano, non è il pregiudizio, ma
la difficile ricerca della propria identità e della risposta a quegli interrogativi che, come piccoli tarli, scavano nella nostra testa le gallerie del dubbio. “Che cosa facciamo per vivere foto-the-pridesecondo i nostri desideri?”, “Chi siamo veramente?”: è proprio intorno a queste domande, così terribili nella loro semplicità, che ruotano due storie d’amore, apparentemente senza niente in comune, se non i nomi dei tre protagonisti e gli stessi attori ad interpretarle, lontane fra loro non solo nel tempo ma anche nel mondo in cui i personaggi si affermano come individui. E il complesso profilo dei personaggi emerge prepotentemente già dalle prime serratissime battute, scambiate sullo sfondo di una scenografia semplice, forse un po’troppo spoglia, ma comunque efficace.

Le due vicende, che si presentano al pubblico in una sorta di montaggio alternato, si svolgono in periodi di tempo lontani fra loro: l’una nella Londra castigata e bigotta del 1958, dove essere omosessuali era un crimine da punire severamente, l’altra nella City decisamente più spregiudicata e disinibita del 2015. Ma come in un complesso gioco di specchi e di rimandi sulle infinite possibilità in cui l’identità può declinarsi, le due storie finiranno quasi per confondersi nel disperato tentativo di trovare, ognuna secondo schemi diversi, “un significato da sbattere in faccia a questa brevità”, che altrimenti rischierebbe di essere solo “un’orribile mascherata“.

Show Full Content

About Author View Posts

Melissa Aglietti
Melissa Aglietti

Raccontarvi chi io sia non è semplice. Sono stata tante cose: sono stata la scure di Raskol'nikov, sono stata gli occhi vivi e intelligenti di Elizabeth Bennet, il vestito rosa di Kitty, lo sguardo rivolto al mare in tempesta di Sarah Woodruff. Sono essenzialmente tutti i libri che leggo.

Contatti: melissa.aglietti@gmail.com

Previous Miss Peregrine – la casa di riposo per Burton
Next Possibile svolta in Siria

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Ricordi? (2018)

8 Giugno 2020
Close