All you Need is Cinema: I Film da Vedere nella Vita! (#11-15)

Simone Vincelli - 25 Gennaio 2016

Costantino Ceccarelli e l’arte del Cinema Amatoriale

Simone Vincelli - 25 Gennaio 2016

Top & Flop 21esima giornata

Simone Vincelli - 25 Gennaio 2016
Share

Weekend caldo in serie A che conclude una settimana di polemiche e tensioni: partite particolarmente nerovse, testimoniate da molti cartellini tra cui quattro espulsioni.                  “Zingaro!” Così Daniele De Rossi nei confronti di Mario Mandzukic pone fine ad una giornata in cui Napoli e Juve si confermano come il binomio cruciale nella corsa al titolo, con la Fiorentina che riaggancia l’Inter, beffata all’ultimo secondo da un incredibile Carpi, al terzo posto.                          Frena ancora il Milan, vittoria importante invece per la Lazio che si rilancia in ottica Europa.      Nelle parti basse della classifica il Palermo abbatte l’Udinese e conquista tre punti pesantissimi, come quelli guadagnati dal Bologna nel derby emiliano contro il Sassuolo. Pareggi anonimi tra Frosinone-Atalanta e Verona-Genoa.

TOP                                                                                                                                                                        

3.  C’eravamo tanto amati. 

Sul gradino più basso del podio dei Top troviamo Riccardo Saponara.                                                             Si accende, come di consueto, la lampadina del suo genio calcistico che quando incrocia il Milan lascia sempre l’amaro in bocca del più classico dei “What if?”.                                                                             Cosa sarebbe successo se nei suoi giorni rossoneri avesse trovato lo spazio e la continuità necessari per l’esplosione del suo talento?                                                                                                                                      Il numero 5 mette in mostra classe e carattere, prestazione eccellente condita dall’assist per il primo gol empolese: un filtrante telecomandato da depositare semplicemente in fondo alla rete, Zielinski ringrazia.                                                                                                                                                                        

2. Leader machiavelliano.

image

Delicatissima sfida tra Lazio e Chievo, in cui i bianco-celesti si impongono per 4-1 dopo aver ribaltato lo svantaggio iniziale. Due espulsioni e altrettanti rigori danno vita ad un match pirotecnico di cui il protagonista è Antonio Candreva che mette a segno una doppietta e propizia le altre due segnature laziali.                                                                                                                                                           Trascinatore indiscusso quanto astutamente ingannevole: il rigore che apre la rimonta non c’è, Candreva simula il contatto tendendo una trappola in cui l’arbitro Calvarese cade pienamente.    Volenti o nolenti, il fine giustifica i mezzi.

1. Juventus toda Joya

11 vittorie consecutive per la Juventus che, nel posticipo, stende anche la Roma.                                         I Campioni d’Italia dettano i tempi della partita per 90 minuti, spinti dal solito Paulo Dybala: “La Joya” bianconera, che guida i Top della 21esima giornata.                                                                             Nel primo tempo l’argentino è praticamente ovunque, una spina estremamente dolorosa nel fianco dei Giallorossi. Il colpo di grazia è il raffinatissimo gesto tecnico per il gol che vale 3 punti, il secondo posto nella classifica marcatori con 12 reti e la dimostrazione che quei 40 milioni, versati nelle casse del Palermo, stiano fruttando fino all’ultimo centesimo.

FLOP    

3. 2. Mila-NO.

image

La solidarietà cittadina regna nei Flop, dove le due milanesi si spartiscono equamente i gradini più bassi del podio: pareggio deludente per entrambe le squadre e la crisi continua.                                         Il Milan era atteso all’ennesima prova del nove: dopo la buona prova di Roma e la vittoria casalinga sulla Fiorentina, serviva la vittoria per la definitiva consacrazione che, puntualmente, non è arrivata. Gli uomini di Mihajlovic, incapaci di gestire il risultato, si fanno raggiungere due volte; la squadra non riesce a trovare una propria identità, situandosi a metà strada tra la volontà, “storicamente” imposta, di controllare il gioco e la dimensione provinciale che sembra finora prevalere.

imageSituazione critica anche per l’altra metà di Milano e i numeri parlano chiaro: 5 punti in altrettante partite non possono essere il ruolino di marcia dell’Inter che fino ad un mese fa era la solida capolista del campionato.                                                                                                                                                              Il gol subito da Kevin Lasagna nei minuti finali è l’apice di una settimana difficile per i nerazzurri, dal pareggio di Bergamo, passando per il caso Mancini che, evidentemente, non ha alleggerito i giocatori dalla pressione.

 

Calza a pennello dunque il “derby della Madonnina” che domenica sera potrebbe decidere le sorti delle due compagini.

1. Bar-reto.

Al primo posto dei Flop di questa settimana si colloca, con grande merito, Edgar Barreto.           “Scusate, ho sbagliato tutto”  basterebbero queste parole, che il centrocampista sampdoriano ha rilasciato a fine partita, e il 3 in pagella assegnatogli, per motivarne la nomina.                                             Fare un assist a un giocatore come Higuain deve essere appagante, ma non se sei un avversario: è così che il paraguaiano regala il primo gol al Napoli e, non contento, poco dopo causa il rigore con cui i partenopei raddoppiano.  Tutto ciò condito con un ritmo-partita da colazione al bar, prestazione imbarazzante.        

image