SERIE B IL PUNTO. Semifinali playoff andata: vince il Benevento pari per Verona e Pescara

Alessio Nicolosi - 27 Maggio 2019

Serie B il Punto. Semifinali playoff ritorno: Cittadella e Hellas Verona in finale. Ripristinati i playout

Alessio Nicolosi - 27 Maggio 2019

Serie A 2018/19 – Tutti i promossi e i bocciati

Alessio Nicolosi - 27 Maggio 2019
Share

Ieri sera sono andate in scena le ultime partite di questa Serie A, partite che ci hanno consegnato anche gli ultimi verdetti. Per questo motivo invece di proporvi come al solito i promossi e bocciati della giornata, stavolta prenderemo in considerazione l’intera stagione. E’ stata una serata vissuta al cardiopalma e giocata su diversi campi i cui risultati hanno condizionato e ribaltato più volte la classifica. Ma alla fine per la corsa Champions l’hanno sfangata Inter e Atalanta. I milanesi vincono 2 a 1 contro l’Empoli condannandoli alla serie cadetta mentre l’Atalanta vince una partita tesissima contro il Sassuolo.

Nel frattempo a Ferrara, sul terreno della SPAL, il Milan vince ma, alla luce delle vittorie dei nerazzurri, i 3 punti non bastano e costringono la squadra di Gattuso all’Europa League. Insieme al Milan vanno in Europa anche la Lazio, grazie alla vittoria in Coppa Italia, e la Roma che però dovrà affrontare i preliminari. Retrocedono infine Empoli, Frosinone e Chievo. Ma andiamo a vedere chi sono i promossi e bocciati di quest’ultima stagione di Serie A:

Promossi

Juventus: come non poter inserire i bianconeri tra i promossi. Dominano la prima metà di campionato tanto che già ad Aprile vanno in vacanza e vivono di rendita. Le altre ci mettono del loro ma lo strapotere della formazione juventina è evidente. L’unico grande neo di quest’anno è l’inaspettata uscita dalla Champions contro l’Ajax.

Atalanta: è sicuramente lei la sorpresa più bella di questo campionato. Arriva in finale di Coppa Italia e si qualifica addirittura per la Champions League. Gasperini ha regalato un sogno a questa città. Quello che ci auguriamo è che la squadra passi indenne il calciomercato e che anzi possa rafforzarsi invece di perdere i propri prezzi pregiati.

Inter: i nerazzurri hanno riempito i giornali per tutta la stagione e spesso non per meriti sportivi. Il caso Icardi ha agitato l’ambiente e si temevano gravi ripercussioni sul raggiungimento degli obbiettivi stagionali. Ciononostante Spalletti è riuscito a portare i suoi in Champions League ma che brividi ieri sera contro l’Empoli. Pazza Inter.

Quagliarella: con 26 reti segnate è lui il capocannoniere della Serie A. Tutti si aspettavano Ronaldo o la sorpresa Piatek ma questo “vecchietto” ha dimostrato ancora una volta il suo enorme talento.

Bocciati

Napoli: ovviamente bocciatura è una parola forte, arrivare secondi dietro a questa Juve forse non è proprio una sconfitta ma sicuramente ci si aspettava qualcosa di più. Quantomeno che i patrenopei riuscissero a tenere in bilico lo scudetto fino alle ultime giornate ma sono troppi i punti persi per strada, soprattutto contro le piccole.

Fiorentina: la viola parte bene ma poi entra dentro un vortice dal quale non riesce più uscire. Inanella una serie incredibile di sconfitte che addirittura la costringono a giocarsi la salvezza all’ultima giornata. Intanto le voci parlano già di una cessione della proprietà, quello che possiamo dire è che una piazza come Firenze non merita di vedere la propria squadra in queste posizioni.

Roma: la lupa è un mistero, sembrava andare bene soprattutto in Europa ma poi una serie di risultati negativi portano all’esonero di Di Francesco. Sulla panchina nelle vesti di traghettatore arriva Ranieri che quantomeno porta i giallorossi a giocare i preliminari di Europa League. Sicuramente non è l’obbiettivo che i tifosi speravano a Settembre. Infine l’addio di De Rossi è la ciliegina che fa scoppiare ancora di più la contestazione contro la dirigenza.

Adesso il campionato si è concluso e ha regalato i suoi ultimi verdetti ma il calciomercato è già cominciato da un pezzo. E sono sicuro che con questo valzer già preannunciato delle panchine il mercato renderà ancor più rovente questa estate.

Alessio Nicolosi