SERIE B: IL PUNTO. 3°giornata del girone di ritorno: Brescia nuova capolista, paura per Scavone, Palermo: è crisi nera

Giacomo Martelli - 6 Febbraio 2019

Mercoledì 13: “La divina commedia” al GOLDONI, un’inedita danza temporanea di NoGravity Theatre

Giacomo Martelli - 6 Febbraio 2019

#Zepeto…la gaming app del momento

Giacomo Martelli - 6 Febbraio 2019
Share

Tantissimi oggi conoscono Facebook e Instagram, molti invece sanno qualcosa di Snapchat o Musically.., pochi miei coetanei o ancora più grandi hanno informazioni su #Zepeto. Sicuramente gli under 20 che seguono Uni Info News ne avranno sentito parlare.

 

#Zepeto è un social gaming app, ossia un social network che permette di costruire una vita virtuale all’interno di uno spazio condiviso, possedendo un avatar creato a partire da un selfie e arricchito con accessori e strumenti, come fosse una persona reale.

 

Gaming app perché si sviluppa all’interno di un app come fosse un gioco. Per alcuni ricorda il primo Second Life, per altri come nel mio caso ricorda “The Sims”, vero e proprio gioco da consolle che permetteva di creare la propria vita, la propria casa e famiglia, con usi e costumi ben determinati.

 

#Zepeto è da considerarsi alla stregua di un social network poiché è possibile uscire dai confini dell’app, per sharare il proprio avatar sui social, quali sopratutto Instagram, Snapchat e Musically. Solo su Instagram sono presenti 1 milione di tag con #Zepeto. Inoltre sia su playstore sia su appstore ha milioni e milioni di download in Europa e fuori.

La società produttrice è coreana e si chiama SNOW Corporation.

 

#Zepeto presenta però dei rischi da non sottovalutare..:

 

  • Non ha la versione in lingua italiana, ma solo in inglese, giapponese e coreano, quindi la comprensione dei termini di servizio può risultare complicata per chi non padroneggia bene almeno una delle tre lingue.
  • Alcuni dati personali quali indirizzo IP, e-mail e numero di telefono sono condivisi con aziende terze, per fini pubblicitari o di marketing
  • Offre acquisti in app come molte applicazioni di oggi. Sicuramente la cosa piacerà agli sviluppatori, meno agli utilizzatori, poiché il credito della propria sim o della propria pre-pagata potrà diminuire presto, se non la si usa con consapevolezza.
  • In fase di registrazione, può essere salvata la propria voce..

 

Unica nota positiva, tra le tante, è il fatto che la posizione non venga tracciata o almeno pare dalle linee guida.

E dato quanto sviscerato, l’app e la società fanno molta gola a Mark Zuckerberg, pronto a fiutare il successo appena questo si sta per materializzare…

 

Ci fossero altri sviluppi o aggiornamenti nel mondo di #Zepeto, sarà mia cura comunicarli.

Intanto, buon divertimento!

 

Images courtesy of pcprofessionale.it