2 Febbraio 2023
Recensione di Lemony Snicket – Una Serie di Sfortunati Eventi
locandinaeqfqfeIl rapporto tra i libri ed il cinema è sempre stato in bilico, da una parte assistiamo a quelli che sono una fedele trasposizione sullo schermo dei tanti racconti nati sulla carta, dall’altra (spesso, purtroppo) siamo messi davanti a prodotti che non riescono nemmeno, una volti giunti in sala, a cogliere la vera natura dell’opera da cui sono tratte. Lemony Snicket – Una serie di Sfortunati Eventi cerca di unire ben tre libri dalla collana composta da 14 numeri. Si crea così una storia che vede mescolati parte del primo volume chiamato ” Un Infausto Inizio” assieme ai due seguenti episodi noti con il nome di “La Stanza delle Serpi” e “La funesta Finestra”. Sarà riuscito il regista Silberling a creare un film compatto, non troppo vago e con una sceneggiatura abbastanza solida priva di colossali lacune? Non rimane che scoprirlo!
La vicenda, triste ci rammarica ammetterlo, inizia con la notizia della morte dei genitori dei fratelli Baudelaire (Violet, Klaus e la piccola Sunny) e della distruzione della loro bella casa. I tre ragazzi, ormai orfani, sono costretti a stare dal loro parente più prossimo: il conte Olaf (Jim Carrey). Questi, proprio come dimostra l’apparenza, è un essere senza scrupoli il cui unico intento è quello di mettere le mani sulla ricchezza dei poveretti; l’unico modo per attuare il suo piano è quello di uccidere gli sfortunati giovani ed in tal modo avere accesso al denaro. Tuttavia i tre non saranno così sprovveduti e daranno del filo da torcere al perfido conte. Saranno infatti trasferiti, una volta dimostrata la vera natura di Olaf da un altro tutore, anch’esso parente nonché zio, dall’animo buono, generoso e con una fissa per i rettili. Vi aspettate che da un momento all’altro comparirà la parola “fine”? Ovviamente…vi sbagliate, poiché ad attendere i Baudelaire ci sono ancora sanguisughe con denti aguzzi, zie completamente pazze, cicloni e tante altre avventure imprevedibili.
.
Una serie di Sfortunati Eventi fa della trama e della recitazione il suo punto di forza, portando alla luce una pellicola adatta a tutti, sia adulti che bambini, dai toni a volte macabri,ma sempre ben calibrati e mai eccessivi. Si vede fin da subito che il film acquista qualcosa in più quando sulla scena appare Jim Carrey, che interpreta un personaggio tanto grottesco quanto esilarante e che grazie al suo perfido carisma ed alla bravura dell’attore nel sapersi calare nella parte risulta essere perfetto e mai sopra le righe; insomma una gioia per gli occhi (anche se in apparenza questo detto è da dimostrare, in tal caso!). L’opera è divisa in 4 parti, dove vengono distribuiti in modo calibrato altrettanti scenari: si passa da una casa in rovina, ad un abitazione che fa da piccolo zoo fino ad arrivare ad una sinistra dimora edificata sopra un lago dalle dimensioni considerevoli. Fanno, durante il film, la comparsa attori di un certo livello FPUsNa6X5hkUXha8iBMQETEBts(ehi, un momento! Sbaglio o intravedo un noto D. Hoffman in una delle scene finali?!) come Meryl Streep o Bill Connolly (recentemente visto in Quartet). La pecca, ben evidente, è che tanti attori sono messi sulla scena per un brevissimo lasso di tempo ed i venti minuti a testa sono troppo pochi per apprezzarne appieno il talento, anche se di certo non sarebbe stato questo film a darne una prova decisiva; chi infatti mette in dubbio la bravura della Streep o di Carrey? Rimane però l’amaro in bocca nel vedere tanti grandi attori e attrici limitati per i più svariati motivi; sia chiaro, il personaggio di Zia Josephine rimane ben caratterizzato e in quel poco che appare sullo schermo basta per rimanere impressa, almeno un minimo. Ciò che, ad ogni modo, appare evidente è che gli attori abbiano cercato di dar vita a dei personaggi quasi del tutto caricaturali, talvolta stupidi, ma pur sempre originali e in linea con la storia. Ovviamente i protagonisti sono i tre orfani, vittime delle tante malvagità del conte Olaf, ma sempre pronti a combattere contro le sfide che quest’ultimo crea, il più delle volte cariche di una vasta immaginazione da parte dell’autore/regista. La morale dell’opera è chiara: bisogna credere ai bambini, dare loro una voce, anche se siamo adulti e non bisogna mai, nemmeno per un momento, aver l’arroganza di mettere in dubbio le parole sincere di questi.  Sebbene la pellicola a tratti ricordi vagamente i film e lo stile di Tim Burton, essa se ne discosta in modo chiaro, anche se la figura di questi tre fratelli, senza genitori, possa ricordare a tratti quella di Edward mani di forbici, anch’egli vittima, proprio come loro, di un destino crudele e personaggio emarginato (quasi) totalmente dalla società in cui vive.
Molto bello è il lato artistico (a tratti simile allo steampunk), così come la fotografia (che cambia da location a location, ma mantenendo sempre toni abbastanza cupi) e sorprendente a tratti il trucco.
.
lemony-snicket-s-a-series-of-unfortunate-events-0Lemony Snicket – Una serie di Sfortunati Eventi è un film realizzato nel migliore dei modi, non sarà eccelso, non approfitterà del grande potenziale che possiede, ma per tutta la durata gli spettatori assisteranno ad una pellicola ricca di umorismo, grottescamente divertente, ironica e sarcastica e che ha saputo cogliere la natura dei libri da cui prende spunto. Tanti attori, talvolta non particolarmente sfruttati, ma allo stesso tempo ben diretti regalano un qualcosa in più ad un film che poteva mancare di carisma e che invece riesce ad essere a tratti persino originale e compatto. Tra i molti nomi che si possano associare alla pellicola prende spazio e luminosità quello di Jim Carrey, il perfido conte Olaf, mai così meschino, crudele ed orribilmente affascinante. Il protagonista di Eternal Sunshine of the Spotless Mind  dimostra un carisma ed un intesa con il personaggio a lui dato incredibile, completamente a suo agio nelle vesti del malvagio tutore e capace di dare quel guizzo in più alla pellicola di Silberling. Un film di questo tipo, anche se pieno di una delicata vena pessimista, non deve essere dimenticato e se visto non sarà tempo perso! Parola di Lemony Snicket!

Claudio Fedele

Show Full Content

About Author View Posts

Claudio Fedele

Nato il 6 Febbraio 1993, residente a Livorno. Appassionato di Libri, Videogiochi, Arte e Film. Sostenitore del progetto Uninfonews e gran seguace della corrente dedita al Bunburysmo. Amante della buona musica e finto conoscitore di dipinti Pre-Raffaelliti.
Grande fan di: Stephen King, J.R.R. Tolkien, Wu Ming, J.K. Rowling, Charles Dickens e Peter Jackson.

Previous Passione per la Settima Arte: vi presentiamo Umberto Vivaldi!
Next Il pregiudizio che rovina un reboot

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Guerra e moda

12 Marzo 2022
Close