21 Ottobre 2020

I treni fischiano all’entrata della stazione di Viareggio. Fischi tetri e lunghi che si perdono nell’aria grigia e cupa di questo 29 giugno. Sono passati esattamente cinque anni da quella sera d’estate in cui, alle 23:52, 32 persone persero la vita bruciati vivi nelle loro case o per strada.

Ancora vivo è il suono di quelle tre forti esplosioni e l’immagine spaventosa di quelle lingue di fuoco, alte decine di metri, che squarciano il cielo stellato.


Ancora forte è la riconoscenza dei viareggini ai Vigili del Fuoco accorsi da tutta la Toscana, che con immenso coraggio e senso del dovere affrontarono quell’inferno, reso fin troppo reale dalle grida degli uomini e delle donne intrappolati al suo interno. E ancora il viavai dei mezzi soccorso, le prime notizie confuse (all’inizio si era parlato di attentato), l’attesa, tremenda, della conta delle vittime.

Alle prime luci dell’alba, Viareggio è avvolta da un’aurea surreale: gli scheletri degli edifici, le facce stanche e sconvolte dei soccorritori, i convogli ancora fumanti riportano alla mente dei più anziani paesaggi che la città non vedeva  dalla seconda guerra mondiale.

Ma se Viareggio e i viareggini non hanno dimenticato, FS e Rfi sembrano avere la memoria corta. Le norme sulla manutenzione  risultano essere adottabili  solo “su base volontaria”. Inoltre, in una relazione dello scorso marzo dell’ex direttore dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria  Alberto Chiovelli, si legge che Rfi “non sembra ancora in grado di far rispettare le procedure previste per lo svolgimento in sicurezza degli interventi in caso di guasti”. Non c’è, ahimè, da stupirsi se nell’ultimo anno si sono verificati un centinaio di incidenti ferroviari classificati come “gravi”, un terzo dei quali dovuti proprio a scarsa manutenzione. Se si è evitata una strage è stato solo per puro caso.

Show Full Content

About Author View Posts

Melissa Aglietti
Melissa Aglietti

Raccontarvi chi io sia non è semplice. Sono stata tante cose: sono stata la scure di Raskol'nikov, sono stata gli occhi vivi e intelligenti di Elizabeth Bennet, il vestito rosa di Kitty, lo sguardo rivolto al mare in tempesta di Sarah Woodruff. Sono essenzialmente tutti i libri che leggo.

Contatti: melissa.aglietti@gmail.com

Previous Calciomercato: il bilancio della Serie A e uno sguardo all’Europa
Next Alien: Isolation – Terrore nello Spazio

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Le bellezze del Kosovo

16 Settembre 2020
Close