1 Ottobre 2020

L’insegnamento della religione cattolica impone una credenza sopra ogni altra.

Ogni studente che non si avvale di questa materia può avvalersi di un’ alternativa (proprio così si chiama l’ora che impiegano tutti coloro che decidono di non partecipare alle lezioni di Religione). Insomma avere una freccia puntata contro con scritto “io sono diverso” (la parola “alternativo” viene infatti dal latino “alter” che significa altro) sarebbe poco meno discriminante, infatti i ragazzi che non si avvalgono dell’ insegnamento della religione hanno un professore in meno che voti per la loro bocciatura o promozione.


L’insegnamento della materia, infatti, è discriminante sia verso chi non crede, sia verso chi appartiene ad un’ altra religione. Affrontare invece un programma che abbia al suo interno ogni sfaccettatura della religione (il confronto tra le religioni di tutto il mondo, i riti, perché è nata la religione, le sette e così via…) e anche della non religione (ateismo e agnosticismo) potrebbe essere sia più interessante, sia potrebbe introdurci in culture e pensieri diversi dai nostri e soprattutto sarebbe meno discriminante in una società come la nostra in cui avanza sempre di più un multiculturalismo.

L’ora di religione, inoltre, ha perso di credibilità e viene vista come ora di intervallo o di ripasso per le altre materie (non prendiamoci in giro, è così nella maggior parte delle scuole). Niente di male se fosse un’ ora di buco, ma non lo è. Accade nella maggior parte dei casi che il professore entri e non apra neanche bocca se non per dire “buongiorno” e “fate piano” e non assicuri un’ ora produttiva per tutti gli studenti, che , si sa, vanno spesso imboccati.

Il fatto che gli insegnanti siano formati e scelti a insindacabile giudizio dell’autorità religiosa (i docenti a tempo indeterminato devono superare anche un pubblico concorso), come prevede l’Intesa tra Stato Italiano e Conferenza Episcopale Italiana, ma retribuiti dallo Stato italiano è incompatibile con il principio della separazione tra Chiesa e Stato e di laicità dello stato. Inoltre la nomina da parte dell’autorità religiosa favorisce gli insegnanti di fede cattolica violando i principi di uguaglianza e antidiscriminazione sul lavoro in funzione della fede dell’individuo.religione1

Show Full Content

About Author View Posts

Rosa Caramassi
Rosa Caramassi

Sono nata a Piombino nel 1996 e vivo a Livorno. Solamente tre anni dopo la mia nascita comincio a fare danza, con il passare degli anni arrivo a fare danza contemporanea.
Ho una grande passione per le correnti avanguardiste del novecento, letteralmente, artisticamente e musicalmente.
Da quando sono piccola ho una grande passione per la Francia e Parigi (anche in quanto "ombelico" dei più grandi artisti e scrittori del novecento).
Mi piace viaggiare e vedere nuovi posti, odio restare tutto l'anno nella mia città con cui ho un rapporto quasi di odio amore (come più o meno tutti i Livornesi).
Frequento il liceo classico ISIS Niccolini Palli, ma a dirla tutta studio solo ciò che piace a me, motivo per cui non vedo l'ora di iscrivermi in un' università francese.
Ho un grande interesse verso la politica italiana, soprattutto del 1900 e più di tutti approfondisco sul Partito Comunista Italiano e sui personaggi che lo hannno popolato.

Previous Non perdiamoci di vista
Next Io sono come danzo – Chiarimenti sulla danza contemporanea.

4 thoughts on “Breve analisi sull’insegnamento della religione cattolica

  1. Pienamente d’accordo. Hai evidenziato tutte le contraddizioni che derivano dal peggior e più antico sintomo dell’arretratezza del nostro sistema d’istruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Referendum: un sì alla Casta

19 Settembre 2020
Close