10 Dicembre 2019

A inaugurare la nuova Stagione Danza 2019/2020 del Teatro Verdi di Pisa, scelta dal direttore artistico Silvano Patacca in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo Onlus, è stata la compagnia vicentina Naturalis Labor di Luciano Padovani, che ha portato in scena in una prima nazionale Cenere Cenerentola, lo scorso sabato 9 novembre.

 

PH Giuseppe Di Stefano
PH Giuseppe Di Stefano

 

La Cenerentola di Padovani è però tutt’altro che disneyana e lontana dalla celebre fiaba dei fratelli Grimm. Tutto è grigio, cupo e cinereo. Le donne sono alla mercé degli uomini che abitano un sobborgo minerario dickensiano, come la celebre Coketown di Hard Times- For This Times. Il fumo avvolge e sovrasta un tappeto di cenere sopra il quale novelle cenerentole, con lunghi abiti pastello, si uniscono in una vorticosa danza con i loro principi-minatori.

L’amore però è aggressivo e opprimente. L’incanto del primo incontro, le illusioni di un happy ending sono da subito disattese. Un’attrazione malsana che trasforma il rito del corteggiamento in un susseguirsi di fughe e rapimenti, alternate a più morbide e armoniose gestualità quasi di abbandono all’altro, che mostrano una forte tecnica dei danzatori e un sapiente controllo del corpo. I danzatori si fronteggiano in una danza intensa, ritmata e primordiale. E subito prendono forma i ricordi delle numerose vittime di femminicidi che ancora oggi, purtroppo, occupano le prime pagine di cronaca nera. Fino a quando il quintetto di donne, compatto e in perfetta sincronia, si allea e si ribella. Una sequenza di grande impatto visivo che ha come modello ispiratore la drammatica coreografia Le Sacre du printemps di Pina Baush, dove il rito sacrificale violento e impetuoso, si compie sopra una distesa di terra.

PH Giuseppe Di Stefano

Le scarpe sono lanciate da ogni parte della scena sopra le quali, le sventurate cenerentole, cercano di calzare la “scarpetta di cristallo” avidamente ambita, ma senza successo. Zoppicanti e coperte di cenere, tentano allora di ritrovare il loro equilibrio. Ed è qui che, ancora una volta, emerge la forza delle donne. Senza perdere la speranza, cadono e si rialzano in un flusso continuo e ciclico interrotto da un gesto liberatorio: una danzatrice si sfila definitivamente le scarpette. Solo così le donne possono finalmente rinascere dalle loro ceneri, come leggendarie fenici.

Non ci sono fate turchine a cancellare questa violenza o a trasformare i topolini in altezzosi cavalli e zucche in splendide carrozze. Noi siamo voyeur inermi di questi amori malsani. Noi siamo spettatori complici di una grande forza, la Resilienza.

Show Full Content

About Author View Posts

Avatar
Marta Sbranti

Marta Sbranti, classe 1989. Dopo il Diploma presso l'Istituto d'Arte Franco Russoli di Pisa mi sono laureata in Scienze dei Beni Culturali curricula storico-artistico. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Storia delle Arti Visive, dello Spettacolo e dei Nuovi Media, presso l'Università di Pisa. La mia tesi di laurea "Musei e Danza" unisce le mie due grandi passioni la danza e l'arte, che coltivo fin da piccola.
"Toccare, commuovere, ispirare: è questo il vero dono della danza".
(Aubrey Lynch)

Previous Presentazione del libro “Vite di Carta” di Simone Pancotti
Next Modigliani a Livorno, la mostra che vuole ripagare il torto

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

È innocente – Lettera di una sua ex studentessa a difesa della docente del Cecioni accusata di Fascismo e xenofobia

11 Ottobre 2019
Close